USA, con la lotta all’e-Cig torna in auge la Sigaretta

USA, con la lotta all’e-Cig torna in auge la Sigaretta

La Sigaretta Elettronica nasce con l’obiettivo di fornire un’alternativa al consumo di tabacchi lavorati (sigarette, sigari e pipe), con l’obiettivo di diminuire e progressivamente eliminare la dipendenza, provando a riprodurre le mimiche e le percezioni sensoriali di questi ultimi.

Negli anni tanti sono stati i fumatori incalliti rinati grazie al passaggio dalla “cicca” all’e-Cig e addirittura nel dicembre 2017 la riduzione dei rischi rispetto alla Sigaretta tradizionale è stata portata in Parlamento in Gran Bretagna, con il primo studio scientifico a lungo termine, che parla di una riduzione del 99%!

Ma cosa succederebbe se si mettessero in dubbio questi dati e si creasse allarmismo intorno al mondo dello svapo?

La risposta la troviamo negli USA, dove la crisi delle malattie polmonari attribuita all’utilizzo delle Sigarette Elettroniche, sta facendo tornare le persone a fumare!
A dirlo non è una semplice percezione soggettiva, ma sono gli analisti di The Motley Fool, un sito di informazione finanziaria americano attivo da oltre 25 anni.
Secondo Rich Duprey i segnali di questo ritorno alle “bionde”, seppur iniziali, sono già ben distinguibili. Secondo un sondaggio, infatti, lo scorso mese l’acquisto di sigarette tradizionali è salito di un punto percentuale (da 13,7% di agosto a 14,7% di settembre).

Non è un dato trascurabile, soprattutto dopo mesi di calo costante. E di certo non è un caso che ciò accada quando i media propongono notizie e servizi che collegano malattie polmonari e svapo, in una martellante campagna anti-vaping.

A confermare ulteriormente questo trend è anche l’analisi inversa: secondo Bonnie Herzog di Wells Fargo il declino del volume d’affari della sigaretta tradizionale è diminuito dello 0,7% nell’ultimo mese.
Il volume d’affari delle e-Cig, invece, nell’ultimo mese ha registrato un incremento di appena il 25%, come riportato dalle indagini di mercato dell’istituto Nielsen. Negli ultimi 18 mesi era stato in quasi costante crescita di oltre il 50%.

Colpa dei Media, certo… ma le Autorità Sanitarie?

Anche se la maggior parte delle persone in questione ha dichiarato di aver usato liquidi al THC illegali, l’informazione sembra non essere arrivata né ai media, né alle Autorità Sanitarie.

“Il CDC (Centers for Disease Control and Prevention) raccomanda di interrompere l’utilizzo di sigarette elettroniche. Può sembrare drastico considerando i confini in cui si verificano le malattie e i decessi”, scrive Duprey.

Il paradosso è nell’effetto di questo allarmismo: le persone smettono di svapare per la propria salute… ma tornano a fumare!

Messa da parte la Sigaretta Elettronica per i motivi suddetti, le persone tornano alle Sigarette Tradizionali, causa di 8 milioni di morti certificate all’anno.
“Le indagini vanno avanti e le agenzie sanitarie potranno alla fine assolvere l’industria del vaping dall’aver causato malattie e decessi. A quel punto, però, il danno potrebbe essere già fatto e i consumatori potrebbero aver già deciso di tornare a fumare sigarette”.
A quel punto potrebbe già essere troppo tardi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *